Come creare un brand: dal logo alle strategie di marketing

Creare un brand significa, in un certo senso, impostare le basi del proprio business sotto l’aspetto del marchio, dell’identità e del business.

Il successo sul mercato da parte di un’azienda dipende molto anche dall’impatto che il marchio ottiene sul pubblico: infatti, come sappiamo, sul mercato sono presenti brand storici che, nel corso del tempo, si sono trasformati in vere e proprie icone.

Cosa è un brand

Prima di scoprire come si crea un brand, è opportuno sapere con esattezza di cosa si sta parlando. Un marchio è un insieme di segni grafici e tipografici, che fa riferimento ad un’azienda, e spesso si confonde con il brand. Quando si parla di brand, non ci si limita ad un simbolo, ma ad un insieme di elementi che vanno a costituire l’identità di un’azienda.

Per costruire un brand occorre effettuare uno studio accurato sia della propria identità e filosofia aziendale, sia degli obiettivi da raggiungere e del target di riferimento.

Individuare i proprio segni di distinzione

Prima di tutto, per creare un brand occorre distinguersi dalla concorrenza. Per ottenere questo risultato è necessario procedere con una piccola indagine di mercato e verificare la presenza di aziende simili alla propria, cercando di diversificarsi e di offrire qualcosa di innovativo. Dopo avere definita la propria personalità, si può procedere alla scelta del logo, del nome e dei colori di riferimento.

Realizzazione grafica del marchio

Un marchio può essere costituito da un segno grafico, da una parola, perfino da una frase. È importante scegliere l’elemento che, più di ogni altro, identifica la propria attività, per poi elaborare un progetto sotto l’aspetto estetico e cromatico.

Anche il nome di un’azienda è molto importante, e deve essere scelto per definire con sinteticità la filosofia aziendale e il prodotto che si intende offrire al mercato.

Nella scelta del nome è importante essere originali ma non troppo scontati: si può ricorrere ad una parola totalmente inventata, ad un mix di parole già esistenti, ad una sigla o ad un acronimo, ad una brevissima frase o ad una sorta di metafora. Qualunque sia la scelta, deve essere il più possibile unica, originale e difficile da imitare.

Accompagnare il logo da un breve slogan

Lo slogan è un messaggio pubblicitario molto breve, il cui intento è quello di descrivere un’attività e di attirare i curiosi, trasformandoli in potenziali clienti. Un breve slogan può comparire sui biglietti da visita, sulla carta da lettera, sul sito web e in qualsiasi altro ambiente utile a diffondere la propria immagine. Lo slogan può essere una descrizione, una rima divertente, un semplice invito: l’importante è che sia immediato e facile da ricordare.

Curare lo sviluppo del proprio brand

Con la crescita della propria attività, anche il brand si evolve e si sviluppa,  richiedendo ulteriori accessori: un sito web, una serie di elementi per il packaging, un servizio dedicato ad assistere i clienti e così via.

Per quanto si tratti di un’attività complessa, è importante cercare di capire quali impressioni susciti il proprio marchio sul pubblico, e mantenere una linea logica e coerente.